menu di scelta rapida

Immagine Descrittiva

Libri

"Là dove si danno alle fiamme i libri,
si finisce per bruciare anche gli uomini".

H.Heine

STORIA DELLA SHOÀH, ENCICLOPEDIA UTET
LA CRISI DELL'EUROPA, LO STERMINIO DEGLI EBREI E LA MEMORIA DEL XX SECOLO.
Storia della Shoah, attraverso il contributo di alcuni dei massimi specialisti, fornisce il quadro più aggiornato dello stato delle conoscenze e del dibattito critico e storiografico sull’Olocausto, affrontando la Shoah come espressione di una più generale crisi dell’Europa iniziata nell’Ottocento, accelerata con la Prima guerra mondiale e precipitata con l’avvento dei fascismi. Inquadrato all’interno di un più ampio panorama storico e geografico, l’Olocausto non è visto semplicemente come un fenomeno circoscritto al nazismo e alla Germania, ma come un evento emblematico della radicale trasformazione della politica e della società nel XX secolo, oltre che come uno degli eventi più cruenti della storia dell’umanità. Nei saggi viene dato ampio risalto al contesto generale, alle premesse ideologiche, agli antefatti storici che sfociarono tragicamente nella “Soluzione Finale”. Ma oltre alla storia dell’Olocausto quest’opera per la prima volta documenta la storia della memoria e delle rappresentazioni della Shoah nell’arte (cinema, letteratura, teatro, fotografia, ecc.), nel dibattito storiografico dagli anni ’50 ad oggi, nei luoghi e negli eventi commemorativi.

CARPI DANIELE (A CURA DI)
BIBLIOGRAFIA PER LA STORIA DEGLI EBREI IN ITALIA
1964 –1973

Carucci Editore – Roma 1982

DUCCI TEO (A CURA DI)
BIBLIOGRAFIA DELLA DEPORTAZIONE NEI CAMPI NAZISTI
Mursia, Milano 1997

LUZZATTO ALDO
BIBLIOTECA ITALO-EBRAICA BIBLIOGRAFIA PER LA STORIA DEGLI EBREI IN ITALIA 1947 –1985
Franco Angeli Editore 1989

LUZZATTO VOGHERA GADI
L’ANTISEMITISMO: DOMANDE E RISPOSTE
con una bibliografia orientativa
Feltrinelli 1994

MILANO ATTILIO
BIBLIOTECA HISTORICA ITALO-JUDAICA
Firenze – Sansoni Antiquariato MCMLIV

SIMONSOHN SHLOMO (A CURA DI)
CONSONNI MANUELA (COMPILATA DA)
BIBLIOTECA ITALO-EBRAICA BIBLIOGRAFIA PER LA STORIA DEGLI EBREI IN ITALIA 1986- 1995
Menorah Roma 1997

SAUL MEGHANGI (A CURA DI)
MEMORIA DELLA SHOAH.
DOPO I TESTIMONI

AMODIO PAOLO, DI MAIO ROMEO E LISSA GIUSEPPE (A CURA DI)
LA SHO’AH TRA INTERPRETAZIONE E MEMORIA,
atti del convegno di Napoli 1997, Vivarium, Napoli 1999, pp. XLV, 800

ANED
LA CONFERENZA DI WANSEE (BERLINO, 20 GENNAIO 1942)
La pianificazione nazista della soluzione finale della questione ebraica e i campi di sterminio, Tavola rotonda organizzata con il patrocinio del Cons. Reg. del Piemonte e con la collaborazione della Comunità Israelitica di Torino, Torino, 20 gen 1987, Palazzo Lescaris,
F. Angeli, Milano 1988

BURGIO ALBERTO (A CURA DI)
NEL NOME DELLA RAZZA: IL RAZZISMO NELLA STORIA D’ITALIA 1870-1945
atti del convegno di Bologna, 13-15 novembre 1997, Il Mulino, Bologna 1999

CDEC
FUNZIONI DEI CENTRI DI STORIA E CULTURA EBRAICA
atti del convegno, Milano 3 febbraio 1997

COLOMBO NOEMI
LA MEMORIA AL FUTURO – RACCOLTA DI DOCUMENTI E TESTIMONIANZE SU NAZIFASCISMO E NUOVE DESTRE
ANPI ANPPIA ANED ANFIM ASSOCIAZIONI STUDENTESCHE FGEI GRUPPO MARTIN BUBER –Ebrei per la pace

CONS. REG. PIEMONTE E ANED
IL DOVERE DI TESTIMONIARE
Perché non vada perduta la memoria dei campi di annientamento della criminale dottrina nazista,
Atti del Convegno Internazionale, Torino 1983

FELTRI FRANCESCO MARIA
IL NAZIONALSOCIALISMO E LO STERMINIO DEGLI EBREI: LEZIONI, DOCUMENTI, BIBLIOGRAFIA,
Testo del corso di aggiornamento per insegnanti, 1993, pref. di Ugo Caffaz,
Giuntina, Firenze 1995

FONTANA LAURA E GIOVAGNOLI, GIORGIO (A CURA DI)
I NEMICI SONO GLI ALTRI: CONVEGNO SULL’OLOCAUSTO (Rimini 1999)
Giuntina, Firenze 1999, pp. 209

MAIDA BRUNO (A CURA DI),
1938: I BAMBINI E LE LEGGI RAZZIALI IN ITALIA,
Atti del convegno tenutosi a Torino nel 1998.
Consiglio Regionale del Piemonte, Comunità Ebraica di Torino, Giuntina, Firenze 1999, pp. 162

MOMIGLIANO LEVI, PAOLO (A CURA DI),
STORIA E MEMORIA DELLA DEPORTAZIONE.
Modelli di ricerca e di comunicazione in Italia e in Francia, Atti del convegno, Aosta 25-26 ottobre 1995,
La Giuntina, Firenze 1996, pp. 218

SARFATTI, MICHELE,
IL RITORNO ALLA VITA. VICENDE E DIRITTI DEGLI EBREI IN ITALIA DOPO LA SECONDA GUERRA MONDIALE,
Atti del convegno di Milano, 15/10/1997, La Giuntina, Firenze 1998, PP. 217

AA.VV
PAROLE CHIARE. LUOGHI DELLA MEMORIA IN ITALIA, 1938-2010
Casa editrice Giuntina, 2011
Sette scrittori e un fotografo per raccontare quel che furono (e quel che sono diventati) i luoghi della “persecuzione della diversità” nel nostro Paese durante il fascismo e l’occupazione nazista. Dalle Fosse Ardeatine e via Tasso a Roma alle isole Tremiti, da Fossoli a Ferramonti di Tarsia, passando per Agnone, Meina, la risiera di San Sabba; uno strumento di conoscenza e riflessione sui meccanismi che si instaurarono, nel “bel paese” nel corso della seconda guerra mondiale, contro le categorie invise al regime: ebrei, omosessuali, Rom e Sinti, dissidenti e avversari politici.
Pensato e curato da Sira Fatucci e Lia Tagliacozzo per l’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane (che ha sostenuto il progetto), edito dalla Giuntina, casa editrice specializzata in letteratura ebraica, “Parole chiare” è un percorso nella memoria del territorio, nel dipanarsi del quale si sono cimentati Fulvio Abbate, Eraldo Affinati, Marco Rossi Doria, Gianfranco Goretti, Ettore Mo, Elena Stancanelli, Emanuele Trevi e il fotografo Luigi Baldelli.

AA.VV.
GLI EBREI A VENEZIA 1938-1945, UNA COMUNITÀ TRA PERSECUZIONE E RINASCITA
Il Cardo

AA.VV.
I GIUSTI D'ITALIA. I NON EBREI CHE SALVARONO GLI EBREI 1943-1945Mondadori
Un libro dedicato ai "Giusti d'Italia". A tutti quei non ebrei che durante la Shoah salvarono uno o più ebrei dalla deportazione e dalla morte rischiando la propria vita e senza trarne alcun vantaggio personale.

ACCINI LIBERO
L’UOMO CHE HA VISTO IL PEGGIO
Sugar, Milano 1967

AGAMBEN GIORGIO
QUEL CHE RESTA DI AUSCHWITZ
BOLLATI BORINGHIERI

Questo libro prova ad ascoltare non tanto la voce dei testimoni, quanto la lacuna intestimoniabile, la "presenza senza volto" che ogni testimonianza necessariamente contiene. In questa prospettiva, Auschwitz non si presenta più soltanto come il campo della morte, ma come il luogo di un esperimento ancora impensato, in cui i confini fra l'umano e l'inumano si cancellano; e, messa alla prova di Auschwitz, l'intera riflessione morale del nostro tempo mostra la sua insufficienza per lasciar apparire fra le sue rovine il profilo incerto di una nuova terra etica: quella della testimonianza.

ALBERTINELLI LORENZO
I LAGER. POEMA STORICO IN SETTE CANTI
Giuntina, Firenze 1994

ALLEN WILLIAM S.
COME SI DIVENTA NAZISTI
Einaudi

ANED
DALLO SQUADRISMO FASCISTA ALLE STRAGI DELLA RISIERA. TRIESTE, ISTRIA, FRIULI 1919-1945
Pres. di P. Caleffi, Trieste 1974.

ARTOM EMANUELE
DIARI
(gen 1940 - feb 1944),
CDEC, Milano 1966

AUERBACH INGE
IO SONO UNA STELLA
Titolo originale: Io sono una stella
Edizione Italiana: Bompiani, Milano 1985, pagg.46
Genere: Memorialistica
A sette anni una bambina ebrea viene internata a Terezin dove riuscirà a sopravvivere e descrivere, più tardi, la sua storia

Autori Vari
RICORDA CHE QUESTO E' STATO, Album visivo della Shoah, 64 pagine formato cm 23x33, Proedi Editore, Milano, 2002
Ad oggi sono state realizzate tre edizioni per un totale di 70.000 copie distribuite.
La più recente edizione viene lanciata in esclusiva per le scuole unita alla riedizione scolastica de La Notte di Elie Wiesel in edizione De Agostini.

BACCHI MARIA
SCIENZA E RAZZACERCANDO LUISA
Storie di bambini in guerra 1938-1945 - Sansoni 2000
La figura di Luisa Levi, la più giovane deportata da Mantova il 4 aprile 1944 affiora dagli scritti inediti, e dalla memoria dei testimoni che vissero con lei gli anni della guerra, l'occupazione tedesca, la clandestinità.

BAUMAN ZYGMUNT
MODERNITÀ E OLOCAUSTO
Il Mulino
La memoria collettiva e la letteratura specialistica hanno tentato in modi diversi di eludere il significato più profondo dell'Olocausto, riducendolo a un episodio della storia millenaria dell'antisemitismo o considerandolo un incidente di percorso, una barbara ma temporanea deviazione nella via maestra della civilizzazione. In entrambi i casi la patologia evocata non chiama in causa la condizione "normale" della nostra società. In realtà, L'Olocausto si dimostra inestricabimente legato alla logica interna della modernità così come si è sviluppata in Occidente. Con la lezione dell'Olocausto - ci dice Bauman - il mondo contemporaneo, travagliato da concitate trasformazioni e rinnovati problemi di convivenza tra culture ed etnie, non avrà mai finito di confrontarsi.

BECCARIA ROLFI LIDIA E MAIDA, BRUNO
IL FUTURO SPEZZATO: I NAZISTI CONTRO I BAMBINI,
pref. di Primo Levi, Giuntina, Firenze 2000

BELLAK GIORGINA, MELODIA GIOVANNI (a cura di)
Titolo originale: Donne e bambini nei Lager nazisti: testimonianze dirette
Edizione Italiana: ANED, Milano 1960, pagg. 126, ill.
Genere: Narrativa
Antologia di scritti italiani e stranieri sull’esperienza e la strage di donne e bambini d'ogni provenienza negli orrori dei Lager: memorie di deportati e fonti anche naziste.

BRAVO ANNA E JALLA DANIELE
UNA MISURA ONESTA.
Gli scritti di memoria della deportazione dall'Italia 1944-1993
Edizione Italiana: Angeli, Milano 1994, pagg. 454
Genere: Saggi sulla deportazione
Note: Il libro censisce e commenta gli scritti di memoria della deportazione dall'Italia: 146 monografie e antologie specifiche; 488 spogli di articoli e brani presenti in raccolte e in una cinquantina di riviste storiche e periodici; 37 dattiloscritti e manoscritti inediti. Un patrimonio di informazioni e di testi, molti dei quali dispersi e spesso introvabili, che riflette le varie forme in cui la memoria della deportazione italiana si è espressa

BRICARELLI, CHIARA (a cura di)
UNA GIOVENTÙ OFFESA: EBREI GENOVESI RICORDANO
Giuntina, Firenze 1995

BROWNING CHRISTOPHER
UOMINI COMUNI
Einaudi
Christopher Browning analizza la spietatezza nell’efficienza dell’eseguimento degli ordini di un battaglione tedesco. Il loro essereuomini comuni è ancora piú sorprendente e angosciante: un uomo comune può diventare uno spietato assassino per puro spirito di emulazione e desiderio di carriera. Ovvero: i sentimenti piú banali e apparentemente innocui sono i motori della piú estrema inumanità. Ieri e oggi.

BRUCK EDITH
TRANSIT
Marsilio, Padova 1995

BRUCK EDITH
CHI TI AMA COSI'.
Edizione Italiana: Lerici, Milano 1959
Dolorosa autobiografia dell'Autrice di origine ungherese, iniziata nella lingua madre e terminata in italiano. Partendo dalle persecuzioni contro gli ebrei in Ungheria, racconta l'arresto suo e di tutta la famiglia e la deportazione ad Auschwitz, Dachau e Bergen Belsen.

BRUCK EDITH
DUE STANZE VUOTE
Marsilio, Padova 1996,

BRUCK EDITH
SIGNORA AUSCHWITZ: IL DONO DELLA PAROLA
Marsilio, Venezia 1999

BUBER-NEUMANN MARGARETE
MILENA, L'AMICA DI KAFKA
Adelphi, 1986

BURLEIGH E WIBBERMAN
LO STATO RAZZIALE
Rizzoli

CAFFAZ UGO
A CINQUANTA ANNI DALLE LEGGI RAZZIALI. DISCRIMINAZIONE E PERSECUZIONE DEGLI EBREI NELL’ITALIA FASCISTA
Consiglio Regione Toscana, La Giuntina, Firenze 1988

CAMERA DEI DEPUTATI - UFFICIO PUBBLICAZIONI E INFORMAZIONE PARLAMENTARE
LA PERSECUZIONE DEGLI EBREI DURANTE IL FASCISMO: LE LEGGI DEL 1938
1998

CAPOGRECO CARLO SPARTACO
FERRAMONTI. LA VITA E GLI UOMINI DEL PIÙ GRANDE CAMPO D’INTERNAMENTO FASCISTA (1940-1945),
pref. di Liliana Picciotto Fargion, introd. di Vittorio Cappelli, La Giuntina,
Firenze 1993

CARPI ALDO
IL DIARIO DI GUSEN. LETTERE A MARIA
a cura di P. Carpi, con un saggio introduttivo di M. De Micheli, Einaudi, Torino 1995

CAVAGLION ALBERTO
PER VIA INVISIBILE
Il Mulino, Bologna 1998

CAVAGLION ALBERTO
NELLA NOTTE STRANIERA. GLI EBREI DI S. MARTIN VÉSUBIE E IL CAMPO DI BORGO SAN DALMAZZO, 8 SETTEMBRE-21 NOVEMBRE 1943,
pref. di A. Galante Garrone,
L’Arciere, Cuneo 1981

CERESATTO ALESSANDRO,
Fossati Marco (a cura)
SALVARE LA MEMORIA. COME STUDIARE LA STORIA DI IERI PER NON ESSERE INDIFFERENTI OGGI. LA PERSECUZIONE ANTIEBRAICA IN ITALIA DAL 1938 AL1945
nelle testimonianze raccolte da un gruppo di studenti e insegnanti dei licei scientifici "Allende" e "Cremona" di Milano.
Milano, Anabasi, 1995
Ricerca coordinata anche da Damiano Cannalire, Bella Gubbai, Giancarlo Pennacchietti, Linda Sabatelli. Presentazione di Laura Balbo. Prefazione di Vittorio Foa

CHIAPPANO ALESSANDRA,
FABIO MINAZZI (a cura)
LE STORIE ESTREME DEL NOVECENTO. IL PROBLEMA DEI GENOCIDI E IL TOTALITARISMO. ATTI DEL SEMINARIO MINISTERIALE RESIDENZIALE PER DOCENTI DI STORIA VARE,
Liceo Scientifico Statale "G. Ferraris, 2001
Contiene anche premesse e saggi di: Silvio Criscuoli, Luigi Catalano, Franca Borgogni, Anna Sgherri Costantini, Enzo Collotti, Elena Dundovich, Enzo Traverso, Michele Sarfatti, Lutz Klinkhammer, Marco Fossati, Marcello Pezzetti, Franco Giannantoni, Nadia Baiesi, Liliana Picciotto, Liliana Segre, Dario Zucchello, Anna Grattarola, Rita Innocenti, Ernesto Perillo, Annamaria Pertoldi, Fabio Pace, Giovanni Pesce, Laurana Lajolo

CHIAPPANO ALESSANDRA, PACE FABIO MARIA, (a cura di)
SHOAH. DOCUMENTI TESTIMONIANZE INTERPRETAZIONI
Milano, Einaudi Scuola, 2002
Premessa di Anna Sgherri. Appendici: breve glossario sulla Shoah, cronologia generale, bibliografia, sitografia, la Shoah e la cinematografia

COEN FAUSTO
16 OTTOBRE 1943: LA GRANDE RAZZIA DEGLI EBREI DI ROMA
Giuntina, Firenze 1993

COMUNITÀ ISRAELITICA DI ROMA (A CURA)
OTTOBRE 1943: CRONACA DI UNA
INFAMIA,
Roma 1961

DE FELICE RENZO
STORIA DEGLI EBREI ITALIANI SOTTO IL FASCISMO.
Nuova edizione ampliata,
Einaudi, Torino 1997

DEBENEDETTI GIACOMO
OTTO EBREI
Atlantica Editrice, Roma 1944

DUCCI TEO
UN TALLÈT AD AUSCHWITZ. 10.2.1944-5.5.1945
Giuntina, Firenze 2000

EDWARDSON CORDELIA
LA PRINCIPESSA DELLE OMBRE
Giunti, 1992

ELIAS RUTH
LA SPERANZA MI HA TENUTO IN VITA , DA THERENSIENSTADT E AUSCHWITZ A ISRAELE,
Giunti, 1993

DEAGLIO ENRICO
LA BANALITA' DEL BENE.
Edizione Italiana: Feltrinelli, Milano 1991, pagg. 132
Genere: Saggi sulla deportazione
Note: L'incredibile vicenda umana di Giorgio Perlasca che, spacciatosi per diplomatico spagnolo, a Budapest è riuscito a salvare migliaia di ebrei dalla deportazione.

EPSTEIN HELEN
FIGLI DELL'OLOCAUSTO
Giuntina, 1982

FANELON FANIA
AD AUSCHWITZ C'ERA UN'ORCHESTRA.
Edizione Italiana: Vallecchi, Firenze 1978, pagg. 195
Genere: Memorialistica
Note: traduzione di Paola Pacca
nel campo femminile di Auschwitz-Birkenau c'era un'orchestra, formata da deportate, che suonava al mattino quando i"kommando" si recavano al lavoro e, la sera, al loro ritorno. L'Autrice, una delle poche sopravvissute, narra la sua vita e quella delle quarantasei compagne di quell'orchestra.

FELTRI FRANCESCO MARIA
IL NAZIONALSOCIALISMO E LO STERMINIO DEGLI EBREI
Lezioni, documenti, bibliografia
Prefazione di Ugo Caffaz
Giuntina

FELTRI FRANCESCO MARIA
PER DISCUTERE DI AUSCHWITZ
Giuntina

FERGNANI ENEA
UN UOMO E TRE NUMERI
Speroni, Milano 1945

FILIPPA MARCELLA
AVREI CAPOVOLTO LE MONTAGNE, GIORGINA LEVI IN BOLIVIA (1939-1946),
Giunti,1990

FITZGIBBON COSTANTIN
AUSCHWITZ E IL COMANDANTE DEL CAMPO.
Edizione Italiana: Fondazione De Levy, Torino 1960, pagg. 47.
Genere: Saggistica sulla deportazione
Note: La meticolosa organizzazione di quell'immensa macchina repressiva che fu Auschwitz-Birkenau, come risulta dal profilo del suo responsabile, il comandante SS Rudolf Höss.

FLEISCHMANN LUIGI
UN RAGAZZO EBREO NELLE RETROVIE
a cura di Claudio Facchinelli, Giuntina, Firenze 1999

FRANK ANNA
IL DIARIO
Einaudi

GINZBURG, NATALIA
LESSICO FAMIGLIARE
Einaudi, Torino 1999

GINZBURG NATALIA
TUTTI I NOSTRI IERI
Einaudi, Torino 1996

GOZZINI GIOVANNI
LA STRADA PER AUSCHWITZ: DOCUMENTI E INTERPRETAZIONI SULLO STERMINIO NAZISTA
Mondadori, Milano 1996

GRADOWSKI SALMEN
SONDERKOMMANDO - DIARIO DA UN CREMATORIO DI AUSCHWITZ
Marsilio

GROSSMAN VASSILIJ
IL LIBRO NERO
Mondadori

HANNA ARENDT
LA BANALITÀ DEL MALE
Feltrinelli
Il processo al criminale nazista Adolf Heichman, nel reportage della celebre filosofa

HILBERG RAUL
LA DISTRUZIONE DEGLI EBREI D'EUROPA,
Einaudi

HILBERG RAUL
CARNEFICI, VITTIME, SPETTATORI.
La persecuzione degli ebrei 1933-1945
Edizione Italiana : Mondadori, Milano 1994
Genere: Saggistica
Note: traduzione di Davide Panzieri
L'Autore ha distillato in questo libro i risultati di decenni di ricerca e di riflessione. Il suo intento è quello di evocare le vite di coloro che parteciparono - in qualità di carnefici, vittime o semplici spettatori - ad una tragedia collettiva. Mettendo l'uno accanto all'altro questi uomini e le loro storie, l'Autore ci consente di avvicinarci in modo nuovo a quei terribili avvenimenti.

ISRAEL GIORGIO e NASTASI PIETROSCIENZA E RAZZA NELL'ITALIA FASCISTA
Editore Il Mulino 1998, pagg. 408. La vicenda della persecuzione antiebraica ripercorsa scegliendo come angolo di visuale la scienza e il mondo scientifico.

JANI EMILIO
MI HA SALVATO LA VOCE. AUSCHWITZ 180046
Ceschina, Milano 1960

JEAN AMERY
INTELLETTUALE AD AUSCHWITZ
Titolo originale: Intellettuale ad Auschwitz
Edizione Italiana: Bollati-Boringhieri, Milano 1987, pagg. 162
Genere: Memorialistica
Note: Traduzione di Enrico Ganni. Presentazione di Claudio Magris
Con inesorabile precisione l'Autore registra le proprie reazioni, le disfatte dello spirito ma rivela anche i valori della dignità e della libertà nel disumano mondo dei Lager.

JEMOLO ARTURO CARLO
ANNI DI PROVA
Passigli, Firenze 1991

JONA DAVIDE E FOA ANNA
NOI DUE
Il Mulino, Bologna 1997

JONAS HANS
IL CONCETTO DI DIO DOPO AUSCHWITZ
Il Melangolo 1997
filosofo può legittimamente rivendicare il diritto a non rinunciarvi), deve pensare questo concetto in modo del tutto nuovo e cercare una nuova risposta all’antico interrogativo di Giobbe. Ove decidesse di farlo dovrebbe anche lasciar cadere l’antica concezione di Dio signore della storia: perciò, quale Dio ha permesso che ciò accadesse?
Poco più di trenta pagine, ma di una densità e di una capacità di inquietudine senza pari. "Per l’ebreo che vede nell’al di qua il luogo della creazione, della giustizia e della salvezza divina, dio è in modo eminente il signore della STORIA e quindi "Auschwitz" per il credente, rimette in questione il concetto stesso di Dio che la tradizione ha tramandato...Quindi chi non intende rinunciare sic et simpliciter al concetto di Dio

JOFFO JOSEPH
UN SACCHETTO DI BIGLIE.
Edizione Italiana: Rizzoli, Milano 1989
Genere: Narrativa
Note: traduzione di Marina Valente
Un bimbo ebreo di 10 anni in fuga col fratello nella Francia invasa dai nazisti: l'Autore si proietta nel "se stesso" di allora, rivisitando un mondo sconvolto dall'apocalisse della guerra e delle persecuzioni. Un tempo pieno d'odio viene raccontato senz'odio, con lo stupore infantile che è capace di giudicare senza condannare.

KERR JUDITH
QUANDO HITLER RUBÒ IL CONIGLIETTO ROSA
Bompiani

KERSHAW IAN
CHE COS'É IL NAZISMO?
Bollati Boringhieri

KERSHAW IAN
HITLER E L'ENIGMA DEL CONSENSO
Laterza

KLEMPERER VIKTOR
TESTIMONIARE FINO ALL'ULTIMO
Mondadori

KLUGER RUTH
VIVERE ANCORA
Einaudi,1995

LAQUEUR WALTER
IL TERRIBILE SEGRETO
La congiura del silenzio sulla soluzione finale
Edizione Italiana: La Giuntina, Firenze 1983, pagg. 318
Genere: Saggi sulla deportazione
Note: traduzione di Daniel Vogelmann.
l'Autore mette sotto accusa governi, servizi segreti, resistenti, belligeranti e neutrali, il Vaticano, la Croce Rossa Internazionale. Tutti coloro che avrebbero potuto far qualcosa per impedire il genocidio e invece non hanno fatto nulla

LETTERE DI LOUISE JACOBSON
L'Unità, 1996

LEVI DONATELLA
VUOLE SAPERE IL NOME VERO O IL NOME FALSO?
Il Lichene, 1995

LEVI LIA
LA PORTINAIA APOLLONIA
Orecchio acerbo

LEVI LIA
MADDALENA RESTA A CASA (1938)
Mondadori

LEVI LIA
CHE COS’È L’ANTISEMITISMO, PER FAVORE RISPONDETE.
Mondadori

LEVI LIA
UNA VALLE PIENA DI STELLE
Mondadori

LEVI LIA
DA QUANDO SONO TORNATA
Mondadori

LEVI LIA
IL SEGRETO DELLA CASA SUL CORTILE
Mondadori

LEVI LIA
UNA BAMBINA E BASTA
Edizioni e/o,1994

LEVI PRIMO
I SOMMERSI E I SALVATI
Einaudi, Torino, 1986

LEVI PRIMO
SE QUESTO È UN UOMO
Einaudi

LEVI PRIMO
LA TREGUA
Edizione Italiana: Einaudi, Torino 1963/1992, pagg. 253
Genere: Memorialistica
Note: Il racconto avventuroso del lungo viaggio di ritorno da Auschwitz, attraverso l'Europa orientale, dopo la fine della guerra e la liberazione. Una "tregua" appunto, dopo una lunga coabitazione con la morte. Emergono tra i superstiti alcuni personaggi indimenticabili, con la propria intatta umanità.

LEVI PRIMO
LA RICERCA DELLE RADICI.
Con uno scritto di Italo Calvino,
introd. di Marco Belpoliti, Einaudi, Torino 1997

LEVI PRIMO
SE NON ORA, QUANDO?
Einaudi, Torino 1982

LEWIS HELEN
IL TEMPO DI PARLARE
Sopravvivere nel lager a passo di danza. Diario di una ballerina ebrea, Einaudi, 1996

LOPEZ GUIDO
IL CAMPO
Mondadori, Milano 1948

LOVATTO ALBERTO
DEPORTAZIONE MEMORIA COMUNITÀ - VERCELLESI, BIELLESI E VALSESIANI DEPORTATI NEI LAGER NAZISTI
ISRSC Biella e Vercelli

LOY ROSETTA
LA PAROLA EBREO
Einaudi

MAYER ARNO
SOLUZIONE FINALE
Mondadori

MANTEGAZZA RAFFAELE
L'ODORE DEL FUMO. AUSCHWITZ E LA PEDAGOGIA DELL'ANNIENTAMENTO
Troina, Città Aperta, 2001

MARRUS MICHAEL R.
L'OLOCAUSTO NELLA STORIA.
Edizione Italiana: Il Mulino, Bologna 1994
Genere: Saggi sulla deportazione
Note: traduzione di Erica J. Mannucci
l'Autore offre una rassegna degli studi internazionali sullo sterminio e lo analizza secondo una duplice prospettiva: dal punto di vista degli ebrei, chiedendosi se e in quale misura la loro passività avesse finito per favorire la persecuzione; e dal punto di vista nazista, cercando tuttavia di mettere in risalto le differenze tra l'operato delle SS, delle autorità locali tedesche e dei governi collaborazionisti.

MEGHNAGI DAVID
RICOMPORRE L’INFRANTO. L’ESPERIENZA DEI SOPRAVVISSUTI ALLA SHOAH
Marsilio
In questo libro Meghnagi cerca di analizzare l’esperienza dei sopravvissuti alla Shoah affrontando il tema dell’elaborazione del lutto collettivo attraverso quattro figure chiave: quella del "custode" Marek Edelman, medico e leader del Bund, vicecomandante della rivolta del ghetto di Varsavia; del "testimone", lo scrittore Primo Levi; dell’"eretico" Isaac Deutscher, biografo di Trockij; del "mistico" Gerschom Scholem, amico di Walter Benjamin e storico della Qabbalah. Da angolature e con prospettive diverse, essi rappresentano tutti coloro che si sono misurati con il male assoluto.

PAVIA ALDO, TIBURZI ANTONELLA (A CURA DI)
NON PERDONERO' MAI
Prefazione Gianfranco Maris Ed. Nuovadimensione

SAUL MEGHANGI (A CURA DI) MEMORIA DELLA SHOAH.
DOPO I TESTIMONI

L’idea dell’annientamento del popolo ebraico, nel ventesimo secolo, si è sviluppata in Europa, nella «culla» dell’illuminismo, degli ideali di «libertà, uguaglianza, fratellanza», dell’autodeterminazione dei popoli, dello Stato di diritto: nel continente che ascrive a sé valori fondanti della cultura contemporanea. La Shoah ha trovato la sua realizzazione concreta in paesi che hanno contribuito in modo decisivo alla filosofia, alla scienza, alla letteratura, alla musica, all’arte. La Shoah è nella nostra storia. Oggi, mentre si assiste alla progressiva scomparsa dei testimoni, suscita ancora molti interrogativi, sulla convivenza civile di persone con tradizioni, religioni, lingue, sensibilità diverse, sui diritti universali della cittadinanza, sulla crescita della democrazia.
I saggi raccolti nel volume analizzano, secondo tale ottica, la «Memoria della Shoah», nelle sue implicazioni di documentazione, di ricerca, di rappresentazione, riproponendola con una stringente attualità.

MELODIA GIOVANNI
DI LÀ DA QUEL CANCELLO. I VIVI E I MORTI NEL LAGER DI DACHAU
Mursia, Milano 1997

MILLU LIANA
IL FUMO DI BIRKENAU
Giuntina, 1986

MODIANO RENZO
DI RAZZA EBRAICA
Libri Scheiwiller

MODIGLIANI PIERO
I NAZISTI A ROMA. DAL DIARIO DI UN EBREO
Città Nuova, Roma 1984

MOLESINI ANDREA
NERO LATTE DELL’ALBA…
Milano, Mondadori, 1993
Contiene schede su alcuni titoli legati alla Shoah

MOMIGLIANO EUCARDIO
QUARANTAMILA FUORILEGGE
Carboni, Roma 1945

MORIANI GIANNI
PIANIFICAZIONE E TECNICA DI UN GENOCIDIO: LA POLITICA RAZZIALE DEL NAZIONALSOCIALISMO
intr. di Massimo Cacciari, F. Muzzio, Padova 1996

MORPURGO LUCIANO
CACCIA ALL’UOMO! (PAGINE DI DIARIO 1938-1944),
Dalmatia, Roma 1946

MORPURGO-FANO LETIZIA,
DIARIO. RICORDI DI PRIGIONIA (10.9.43 - 27.4.45)
introd. di G. Fano, Comunità Israelitica di Venezia, Tip. Leghissa, Trieste 1966, pp. 85

MOSSE GEORGE
INTERVISTA SUL NAZISMO
Edizione Italiana : Mondadori, Milano 1992, pagg. 154
Genere: Saggistica
Note: a cura di Michael A. Ledeen, traduzione di Giovanni Ferrara
L'Autore ripercorre gli sviluppi dell'ideologia e la prassi politica del nazismo, le sue identità e differenze con il fascismo di Mussolini, per aiutare il lettore a comprendere perché nacque il nazismo, quali furono le sue basi sociali e i suoi alleati, come egemonizzò il consenso delle masse, quali furono le radici profonde dell'antisemitismo.

MOSSE GEORGE L.
LE ORIGINI CULTURALI DEL TERZO REICH
Saggiatore
Le origini culturali del Terzo Reich è stato il primo saggio a occuparsi del nazismo dal punto di vista culturale, dedicando uno studio approfondito a elementi come il cristianesimo germanico, il misticismo naturistico del Volk, il razzismo, la riscoperta degli antichi germani. Mosse ripercorre le tappe attraverso le quali l’ideologia nazionalsocialista, anche attraverso l’arte e la letteratura, ha pervaso completamente la società tedesca dell’epoca fino a concretizzarsi in un vasto e terribile movimento di massa.

NIRENSTAJN ALBERTO
È SUCCESSO SOLO CINQUANTA ANNI FA:
LO STERMINIO DI SEI MILIONI DI EBREI

La Nuova Italia, Scandicci 1994

LEVI LIA
LA PORTINAIA APOLLONIA
Orecchio acerbo

NIRESTAJN ALBERT
RICORDA COSA TI HA FATTO AMALEK.
Edizione Italiana: Einaudi, Torino 1958
Genere: Memorialistica
Note: Un monito, un invito a non dimenticare il prezzo della Resistenza nei ghetti istituiti dai nazisti nella Polonia invasa dalle loro armate.

NISSIM LUCIANA
DONNE CONTRO IL MOSTRO.
Edizione Italiana: Vincenzo Ramella Editore, Torino 1946, pagg. 216
Genere: Memorialistica
Note: Due testimonianze femminili sulla deportazione ad Auschwitz. La situazione sanitaria negli ospedali del campo, la resistenza fisica e morale delle deportate all'annientamento della persona.

OBERSKI JONA
ANNI D'INFANZIA.
Un bambino nei Lager
Edizione Italiana: Mondadori, Milano 1982, pagg. 123. La Giuntina, Firenze 1989, pagg. 120
Genere: Memorialistica
Note: traduzione di Amina Pandolfi - l'Autore descrive in prima persona le proprie vicissitudini di quando, bambino ebreo di sette anni, sotto l'occupazione nazista dell'Olanda viene deportato insieme ai genitori in un campo di concentramento. La storia è tanto più sconvolgente quanto più viene vissuta con gli occhi innocenti di un bambino che non è ancora in grado di comprendere cosa gli sta succedendo. Il libro dal quale è stato tratto il film 'Jona che visse nella balena" del regista Roberto Faenza.

OLLA ROBERTO
LE NON PERSONE: GLI ITALIANI NELLA SHOAH
pref. di Marcello Pezzetti, RAI-ERI, Roma 1999

ORLEV URI
L'ISOLA IN VIA DEGLI UCCELLI.
Edizione Italiana: Salani, Firenze 1993
Genere: Memorialistica
Note: traduzione di Mariarosa Giardina Zannini
In una Polonia sconvolta dalla guerra e dall'occupazione nazista un ragazzo di dieci anni i cui genitori sono stati catturati e portati via riesce a sopravvivere in clandestinità sostenuto solo dall'istinto di conservazione.

OTTANI GIANCARLO
UN POPOLO PIANGE. LA TRAGEDIA DEGLI EBREI ITALIANI
Spartaco Giovene, Milano 1945

PAPPALETTERA VINCENZO,
TU PASSERAI PER IL CAMINO. VITA E MORTE A MAUTHAUSEN
pref. di P. Caleffi, Mursia, Milano 1997

PICCIOTTO FARGION LILIANA
IL LIBRO DELLA MEMORIA
Gli Ebrei deportati dall'Italia (1943-1945)
Edizione Italiana: Mursia, Milano 1991/1992
Una fondamentale documentazione sulla deportazione degli Ebrei dall'Italia, frutto di una ricerca durata oltre dieci anni: il libro ricostruisce l'elenco delle vittime e la vicenda di ognuno di loro dalla fase dell'arresto in Italia a quella della deportazione nei Lager.

PICCIOTTO FARGION LILIANA
GLI EBREI IN PROVINCIA DI MILANO: 1943-1945: PERSECUZIONE E DEPORTAZIONE
Tip. Lucchi, Milano 1992POLIAKOV LEON

POLIAKOV LEON
IL NAZISMO E LO STERMINIO DEGLI EBREI
Einaudi
Quest'opera, divenuta ormai un classico, affronta le pagine più buie della storia recente: sulla base di una vastissima documentazione Léon Poliakov ha ricostruito le fasi della persecuzione antisemita, dall'avvento al potere del nazismo alla fine del 1945, mettendo in risalto come lo sterminio degli Ebrei rientrasse nel più vasto piano d'eliminazione di altri popoli e illustrando, oltre agli episodi della resistenza ebraica, le reazioni popolari nei vari paesi europei, l'atteggiamento degli uomini di governo e delle chiese cristiane

PORTELLI ALESSANDRO
L’ORDINE È GIÀ STATO ESEGUITO.
ROMA, LE FOSSE ARDEATINE, LA MEMORIA,

Donzelli, Roma 1999

ROSENBERG OTTO
LA LENTE FOCALE. GLI ZINGARI E L'OLOCAUSTO
Marsilio
Nel 1936, in occasione dei giochi olimpici di Berlino, Hitler dichiara che la "città va ripulita". Ha inizio la politica razziale che porta alla costruzione del primo campo di concentramento, a Marzahn. Qui vengono internati migliaia di zingari. La loro tragedia e non si conclude con la fine della guerra. La Repubblica federale tedesca continua a mantenere nei confronti di Sinti e Rom un atteggiamento molto ambiguo: non sono finite le discriminazioni, né c’è la sicurezza di avere i risarcimenti previsti per le altre vittime dell’Olocausto. Sembra che, per molti, essi siano ancora degli "asociali" (così li definirono i nazisti) destinati all’emarginazione.

RUDOLF HOESS
COMANDANTE AD AUSCHWITZ.
Memoriale autobiografico di Rudolf Hoess
Edizione Italiana: Einaudi, Torino 1961/1992, pagg. XII-230
Genere: Memorialistica
Note: traduzione di Giuseppina Panzieri Saija. Prefazione di Primo Levi
Il memoriale autodifensivo dell'uomo che, applicando scrupolosamente gli ordini ricevuti, diresse il campo di Birkenau, la più famosa e famigerata fabbrica della morte.

SALETTI CARLO (a cura)
LE VOCI DEI SOMMERSI
Marsilio

SARFATTI MICHELE
MUSSOLINI CONTRO GLI EBREI
Cronaca dell’elaborazione delle leggi del 1938
Sivio Zamorani editore 1994

SARFATTI MICHELE
GLI EBREI NELL’ITALIA FASCISTA: VICENDE, IDENTITÀ, PERSECUZIONE
Einaudi, Torino 2000,

SCALPELLI ADOLFO (A CURA DI)
SAN SABBA:ISTRUTTORIA E PROCESSO PER IL LAGER DELLA RISIERA
Mondadori-ANED, Milano, 1998 e Liti,
Trieste, 1996

SCHWARZ GURI AURITROVARE SE STESSI
Gli ebrei nell'Italia post-fascista di Guri Schwarz.
Laterza 2004, pagg. 262 La memoria della Shoà, il sionismo, il ruolo della comunità ebraica nella vita della Repubblica.

SEGEV TOM
IL SETTIMO MILIONE. COME L'OLOCAUSTO HA SEGNATO LA STORIA D'ISRAELE
Mondadori

SEGRE RENZO
VENTI MESI
pref. di Nicola Tranfaglia, premessa di Anna Segre, Sellerio, Palermo 1995

SEGRE VITTORIO DAN
STORIA DI UN EBREO FORTUNATO
Bompiani, Milano 2000

SEIBERT WINDRIED
LA BAMBINA CHE NON POTÉ CHIAMARSI ESTHER
Il Mulino

SERENY GITTA
IN QUELLE TENEBRE
Adelphi
Gitta Sereny prima intervistato e poi controllato passo passo la testimonianza di Stangl, oscuro poliziotto austriaco che, attraverso una carriera ‘normale’ e agghiacciante, divenne capo del campo di Treblinka, in Polonia, dove più di un milione di persone trovò la morte.

SCHWARZ-BARTH ANDRE'
L'ULTIMO DEI GIUSTI
Edizione Italiana: Feltrinelli, Milano 1960/1964
Genere: Narrativa
Note: traduzione di Valerio Riva .
La leggenda dei "giusti" e la morte del loro ultimo rappresentante nella bolgia di Auschwitz

SPIEGELMAN ART
MAUS.
Il racconto di un sopravvissuto.
Edizione Italiana: Rizzoli, Milano 1989/1995
Genere: Narrativa
Note: traduzione di Ranieri Carano.
Maus è la storia di Vladek Spiegelman (il padre dell'autore), un ebreo sopravvissuto all'europa di Hitler, e di suo figlio, un cartoonist che cerca di trovare un punto d'incontro tra la terribile vicenda di suo padre e la storia stessa. La forma usata, il fumetto (gli ebrei sono qui raffigurati come topi e i nazisti come gatti) riesce perfettamente a dare corpo agli avvenimenti, raggiungendo la grandezza della tragedia attraverso il minuscolo disegno. un'opera unica che valse all'autore il premio Pulitzer.

SPRINGER ELISA
IL SILENZIO DEI VIVI
Marsilio 1997

STEINHAUS FEDERICO
EBREI/JUDEN: GLI EBREI DELL’ALTO ADIGE NEGLI ANNI TRENTA E QUARANTA
pref. di Simon Wiesenthal, Giuntina, Firenze 1994

STROUMSA JACQUES
VIOLINISTA AD AUSCHWITZ
Morcelliana

SULLAM CALIMANI ANNA VERA,
I NOMI DELLO STERMINIO,
Einaudi
Dare un nome allo sterminio: Hurban, Shoah, Catastrofe, Disastro, Universo concentrazionario, Deportazione, Lager, Genocidio, Soluzione finale, Auschwitz, Olocausto. Analizzando «i nomi dello sterminio» con semplicità e allo stesso tempo rigore scientifico, Sullam Calimani mette in evidenza come la difficoltà di dare un nome alla distruzione degli ebrei rifletta la difficoltà stessa di rappresentare questa orribile realtà senza banalizzarla, mistificarla, o, peggio, negarla.

Tagliacozzo Franca, Migliau Bice
GLI EBREI NELLA STORIA E NELLA SOCIETÀ CONTEMPORANEA
Firenze, La Nuova Italia, 1993
Quasi ogni capitolo contiene: letture, documenti, indicazioni bibliografici, itinerari consigliati

TEDESCHI GIULIANA
C'È UN PUNTO SULLA TERRA…,
Una donna nel Lager di Birkenau,
Giuntina,1988

TEDESCHI GIULIANA
QUESTO POVERO CORPO
EDIT, Milano 1946

TELFORD TAYLOR
ANATOMIA DEI PROCESSI DI NORIMBERGA
Rizzoli

TOSCANO MARIO (A CURA DI)
L’ABROGAZIONE DELLE LEGGI RAZZIALI IN ITALIA (1943 – 1987)
Problemi e profili del nostro tempo
Servizio studi del Senato della Repubblica
1988
TRADATE 1938-1947
pref. di Liliana Picciotto Fargion, ANPI-Arterigere, Varese 1999

TRAVERSO ENZO
GLI EBREI E LA GERMANIA. AUSCHWITZ E LA SIMBIOSI EBRAICO-TEDESCA
Il Mulino, Bologna 1994

TRAVERSO ENZO, (a cura di)
INSEGNARE AUSCHWITZ. QUESTIONI ETICHE, STORIOGRAFICHE, EDUCATIVE DELLA DEPORTAZIONE E DELLO STERMINI, Torino, Bollati Boringhieri, 1995
Contiene saggi di Yannis Thanassekos, Jean-Michel Chaumont, Anna Bravo, Enzo Collotti, Hilda Girardet, Alessandro Cavalli, Alberto Cavaglion, Nadia Baiesi, Federico Cereja, Brunello Mantelli, Carlo Ottino, Chiara Ottaviano, Isabella Brugo, Guido Ferraro, Irmachiara Malaroda

TREVES ALCALAY LILIANA
CON OCCHI DI BAMBINA (1941-1945)
Edizione Italiana : La Giuntina, Firenze 1995, pagg. 119
Genere: Memorialistica
Note: prefazione di Liliana Picciotto Fargion
La clandestinità ai tempi della caccia all'ebreo da parte dei nazi-fascisti, negli incancellabili ricordi di una bambina.

UNIONE COMUNITÀ EBRAICHE ITALIANE
RASSEGNA MENSILE DI ISRAEL (1988)
1938 LE LEGGI CONTRO GLI EBREI

URIS LEON
EXODUS
Bompiani

URIS LEON
MILA 18
Mondadori 1965

VALENSI LUCETTE E WACHTEL NATHAN
MEMORIE EBRAICHE
Einaudi, 1996

VALZL AUGUST
GLI EBREI SOTTO LA DOMINAZIONE NAZISTA. CARINZIA, SLOVENIA, FRIULI-VENEZIA GIULIA, ISTITUTO FRIULANO PER LA STORIA DELLA LIBERAZIONE,
Udine, 1991;

VASARI BRUNO
LA RESISTENZA DEI DEPORTATI POLITICI ITALIANI NEI LAGER NAZISTI MAUTHAUSEN, DACHAU, BUCHENWALD.
Cenni e riflessioni preliminari, Dell’Orso, Alessandria, 1995;

VEGH CLAUDINE
NON GLI HO DETTO ARRIVEDERCI
Giuntina

VERCORS
IL SILENZIO DEL MARE.
Edizione Italiana: Einaudi, Torino 1945/1996, pagg. 202
Genere: Narrativa
Note: a cura di Gabriella Bosco. Traduzioni di Natalia Ginsburg e Ginetta Varisco.
Un classico della letteratura clandestina della Resistenza e della deportazione.

VIDAL-NAQUET PIERRE
GLI ASSASSINI DELLA MEMORIA.
Un grande storico contro i revisionisti dell’Olocausto, Editori Riuniti, Roma,1983;

WIBBERMAN BURLEIGH E.
LO STATO RAZZIALE
Rizzoli

WARDI DINA
LE CANDELE DELLA MEMORIA.
I figli dei sopravvissuti dell'Olocausto: traumi, angosce, terapia
Edizione Italiana: Sansoni, Milano 1993
Genere: Saggistica sulla deportazione
Note: traduzione di Emanuele Beeri e Tania Gargiulo
Da oltre vent'anni la psicoterapeuta Dina Wardi si occupa dei figli di sopravvissuti dell'Olocausto che, una volta raggiunta l'età adulta, hanno bisogno di un sostegno psicologico per definire la loro identità e incrementare la propria auto-stima. I genitori hanno infatti loro trasmesso, inconsciamente, i propri traumi, investendoli con i propri ricordi e speranze, trasformandoli in "candele della memoria" per coloro che non sono sopravvissuti.

WIESEL ELIE
LA NOTTE
Edizione Italiana : La Giuntina, Firenze 1980/1993, pagg. 112
Genere: Memorialistica
Note: traduzione di Daniel Vogelmann, prefazione di François Mauriac
Un "ragazzo di Auschwitz" discende nell'orrido del male assoluto perché la piccola comunità ebraica nella quale egli viveva in pace non ha saputo o non ha voluto salvarsi, quando ancora sarebbe stata in grado di farlo.

WIESENTHAL SIMON
GIUSTIZIA NON VENDETTA
Mondadori

ZARGANI ALDO
PER VIOLINO SOLO
Il Mulino, Bologna 1995

ZUCCOTTI SUSAN
L’OLOCAUSTO IN ITALIA
Editori Associati, Milano, 1995.