Page 33 - Il Processo
P. 33

annientando, o addirittura rimuovendo, la Monarchia. Esito espressamente minacciato da Mussolini (Ciano, 17 luglio 1938: “è sempre più deciso di sbarazzarsi dei Savoia alla prima possibilità”); ed auspicato, tanto dalle frange estreme del regime quanto dalla Germania nazista (si pensi solo alla visita romana di Hitler del maggio 1938).
Un simile scenario – secondo i timori del Re - avrebbe aperto il varco, non solo ad una le- gislazione di natura discriminatoria, ma a ben più drastiche persecuzioni, non dissimili da quelle che stavano germinando proprio a quel tempo in Germania: la Notte dei cristalli, si noti, è del novembre 1938.
Domanda della corte: poteva invece, in alternativa, il Re abdicare?
Risposta: Poteva. Con esiti però non difformi da quanto detto. Uscito di scena quel riverito Re che aveva condotto l’Italia alla vittoria nella prima guerra mondiale, il fascismo avrebbe ottenuto l’auspicato “destro” per insediare un totalitarismo di stampo hitleriano (di fatto anticipando Salò). O – il che è lo stesso – per applicare le leggi fascistissime in modo da orientare una successione compiacente e assisa alle volontà del regime.
L’abdicazione avrebbe in altri termini consegnato tutto il Paese nelle mani del Duce.


































































































   31   32   33   34   35